Luca Barberini

Luca Barberini, born in Ravenna in 1981, was artistically raised in the mosaic context that is Ravenna. He graduated from the Istituto Statale d’Arte “Gino Severini” high 1999.
In 2005, after other work and educational experiences, he founded Koko Mosaico with Arianna Gallo. Over time the studio allowed Luca to get to know and collaborate with artists like Domingo Zapata, Ale Giorgini, Gianluca Costantini and Valerio Adami. It also allowed him to develop his own personal artistic exploration bringing him to push the limits of mosaic techniques and reaching pronounced originality and expressive force. A manifesto to his style, Folla (Crowd) was bought by the Museo d’Arte della Città of Ravenna.
In 2015 he participated in the International Mosaic Symposium with the Accademia d’Egitto di Roma, a Mosaic Abroad with the Yokohama Civic Art Gallery Azamino in Japan, Quelcu’un in Paray-le-Monial in France, he had his first solo exhibition “Storie su cittadini al di sopra di ogni sospetto” in Ravenna to NiArt Gallery, he won the International Prize GAeM – “Young Artists and Mosaic” and he had a solo exhibition in Taipei, Taiwan.
In 2014 he participated in Eccentrico Musivo:Young Artists and Mosaic, curated by Linda Kniffitz and Daniele Torcellini at the Museo d’Arte della Città di Ravenna as well as Blanc & Noir, Tour Saint Nicolas in Paray-le-Monial, France.
The year before, 2013, the permanent exhibition of low-cost art, Via di Roma 136 was inaugurated in his studio Koko Mosaico.




Labirynt, 2016

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

idDante, 2016

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Dal fico al figo, 2016

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

quelqu'un, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Premio Internazionale Lìmen Arte 2015, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

mosaic exhibition, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Luca Barberini - Storie su cittadini al di sopra di ogni sospetto, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

G.A.E.M. giovani artisti e mosaico, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

eccentrico musivo - young artists and mosaic, 2014

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

blanc & noir, 2014

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

20 per 20, 2014

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Ravenna mosaico, 2013

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

G.A.E.M. giovani artisti e mosaico, 2013

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Ravenna mosaico, 2012

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

R.A.M., 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

mosaic code, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Lavorare è un arte, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

G.A.E.M. giovani artisti e mosaico, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

equazione impossibile, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

after after, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Ravenna mosaico, 2009

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Dovadola e i giovani Ravennati, 2008

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Daniele Torcellini

Luca Barberini is irresistibly attracted to the human race. He tirelessly pays attention to the varied and multiform phenomenology of ingrown human behavior and transforms it into a descriptive and narrative obsession with hints of pop-surrealism. For those who can empathize and distance themselves enough to lucidly observe with depth and mild irony, Luca Barberini’s works convey the weaknesses of the human race along with all its awkwardness, idiosyncrasies, alienations, apprehensions, its irrational side and even its daily routine without using vacuous rhetoric that is true to the behavior limited by Hollywood stereotypes. Luca Barberini choreographs a humanity that has fallen victim to a generalized non-sense that amplifies the futility of certain situations. The actors of his stage all have one thing in common; they are all unknowing victims of a complex system that oppresses them and to which they can only oppose with schizophrenia.
However, let’s proceed in order. Luca Barberini was born in Ravenna and this is where he underwent his artistic training: immersed in the humanity that comes to a halt during the transition between Rome and Byzantium which are immortalized in the mosaics the city jealously conserves. Processions, hosts of saints, heavenly hierarchies and biblical characters. Mosaic art in Ravenna, but not only of course, puts the human figure first, even the divine incarnation.
Mosaic art is such a natural language here, singular when observed from an artistically larger context. Luca Barberini seizes this language, altering the rules he learnt in school, to create an entirely personal style, constantly mindful of the minute details of the local mosaics that only an intimate and careful observer can grasp. The mosaic of Theodoric’s Palatium on the right wall of the central aisle of Sant’Apollinare Nuovo Church shows an elegant colonnade. It decorates the wall above the arches and above each column there are delicate angelic figures whose faces contain just a handful of tesserae. This synthesis of mosaic art is a precursor to Luca Barberini’s style and where it has taken root. Let’s go beyond. The number of tesserae he uses is reduced even more, in what seems like a Goliardic challenge that pushes mosaic art to the limit, to the point of almost not being mosaic anymore, if by mosaic we intend the making of figures through the juxtaposition of uniform and indistinct units. To be able to tell a story using the least amount of gestures, with just a few lines, with spontaneity and improvisation, Luca Barberini forces the tesserae to become something different. He works with fragments that are no longer indistinct but charged with significance, conveniently shaped to obtain specific descriptive demands; a lock of hair, a forehead, a cheek, a chin, arms, fingers and legs. And so, the celebrated interstice, for those people who have a more intimate understanding of mosaic art, has never been so important. It incarnates, within the faces, the observer’s key to the face itself. Eyes and mouths, in the thousand or more characters portrayed, are left to the empty spaces between the fragments. It is just as implicit and effective in giving an expression.
“Man as a particle in the mass is psychically abnormal. Ignorance of this fact is no protection against it.” (Jung, 1946). Carl Gustav Jung quotes Le Bon in his Essays on Contemporary Events in 1946, one of the first, in 1895, to publish a Psychology of Crowds. It was discussed and criticized but mostly held in high consideration even with the subsequent scientific advances that seem to be a theme tightly bound to the history of the 1900s. For the crowds of today though, it isn’t as important to find a physically common space. When possible, virtual space can easily substitute a town square. As Schumpeter hypothesized: “Newspaper readers, radio audiences, members of a party even if not physically gathered together are terribly easy to work up into a psychological crowd and into state of frenzy in which attempt at rational argument only spurs the animal spirits” (Schumpter, 1942). Who knows what he would have said about social networks.
Thus the short and absurd stories of the individuals portrayed by Luca Barberini in his last set of works seem to be particles, as Jung said it, who we have already seen teeming in la Folla (Crowd), in action and desperate in Revolutions, unraveling in their daily lives in Condominium and Via di Roma 136 and distractedly posing in Ritratti (Portraits). Best described by Le Bon, even outside the collective these individuals are keeping irrationality intact: “The most careful observations seem to prove that an individual immerged for some length of time in a crowd in action soon finds himself –either in consequence of magnetic influence given out by the crowd, or from some other cause of which we are ignorant—in a special state, which much resembles the state of fascination in which the hypnotised individual finds himself in the hands of the hipnotiser. The activity of the brain being paralised in the case of the hypnotised subject, the latter becomes the slave of all the unconscious activities of his spinal cord, which the hypnotiser directs at will. The conscious personality has entirely vanished; will and discernment are lost.”
Luca Barberini is, without a doubt, the hipnotiser of the characters he portrays.
Luca Barberini è irresistibilmente attratto dal genere umano. Il suo sguardo si posa instancabile su quella variegata e multiforme fenomenologia in cui i comportamenti umani possono incarnarsi, per farne l’oggetto di una ossessione descrittiva e narrativa dal sapore insieme pop e surrealista. Con la profondità e la leggera ironia di chi coglie con empatia ma sa anche porre il giusto distacco per osservare lucidamente, del genere umano, le sue opere colgono le debolezze, le goffaggini, le idiosincrasie, le alienazioni, le inquietudini, i lati più irrazionali ma anche i più banalmente quotidiani, senza lasciarsi andare a quella retorica vacua che vorrebbe i nostri comportamenti circoscritti da stereotipi cinematografici. L’umanità che mette in scena Luca Barberini è vittima di un non-sense generalizzato che amplifica la vanità delle azioni in cui si prodiga. Gli attori dei suoi teatrini sono legati da un filo comune, quello di essere - tutti - vittime inconsapevoli di un complesso sistema che li opprime e contro il quale hanno da opporre solo la loro schizofrenia.
Ma andiamo per ordine. Luca Barberini nasce a Ravenna e qui avviene la sua formazione artistica, al cospetto di quella umanità - immortalata nelle decorazioni musive che la città preziosamente conserva - che si va immobilizzando nel passaggio da Roma a Bisanzio. Cortei, schiere di sante e santi, gerarchie celesti, personaggi biblici. Il mosaico a Ravenna, ma non solo naturalmente, mette al centro la figura umana, quand’anche incarnazione divina.
E il mosaico è un linguaggio tanto naturale qui, quanto singolare se osservato dal punto di vista di un contesto artisticamente più ampio, il linguaggio di cui Luca Barberini si appropria, alterandone però le forme, apprese sui banchi di scuola, per farne una personalissima cifra stilistica, memore di quei particolari minimi dei mosaici ravennati, che solo un osservatore attento e confidente sa cogliere. L’immagine del Palatium di Teodorico, nella parete destra della navata centrale della Chiesa di Sant’Apollinare Nuovo, mostra un elegante portico colonnato. Decorano le imposte delle arcate, al di sopra di ogni capitello, delicate figurine angeliche i cui volti sono costruiti con poche manciate di tessere, in una sintesi musiva che è l’antecedente entro cui lo stile di Luca Barberini affonda le radici. Per andare oltre. Il numero di tessere impiegate è ridotto ulteriormente, in quella che sembra una goliardica sfida che spinge il mosaico ai suoi limiti, al punto da non essere quasi più mosaico, se per mosaico vogliamo intendere la realizzazione di forme attraverso la giustapposizione di unità omogenee e indistinte. Sì, perché per raccontare una storia affidandosi al minor numero possibile di gesti, a pochissimi segni, nell’immediatezza dell’improvvisazione, Luca Barberini costringe le tessera a cambiar natura. I suoi sono frammenti non più indistinti ma dotati di significato, opportunamente sagomati per rispondere a specifiche esigenze descrittive, una ciocca di capelli, la fronte, le gote, il mento, le braccia, le dita, le gambe. Ed ecco che l’interstizio, tanto celebrato da chi del mosaico ne ha compreso la più intima essenza, non è forse mai stato così importante, incarnando, nei volti, il fulcro dell’attenzione di chi un volto osserva. Occhi e bocca, nei mille e più personaggi ritratti, sono così per lo più lasciati allo spazio vuoto tra i frammenti, tanto implicito, quanto efficace nel dar forma ad un’espressione.
“L’uomo come particella della massa è psichicamente anormale. Ignorare questo fatto non serve a proteggerci da esso” (Jung, 1946). Così Carl Gustav Jung nei suoi Saggi su eventi contemporanei del 1946 cita Gustave Le Bon, tra i primi, già nel 1895, a pubblicare il fortunato volume Psicologia delle folle. Opera commentata e contestata, ma largamente tenuta in considerazione anche negli sviluppi scientifici successivi di quello che appare un tema intimamente legato al corso storico del Novecento. Per le folle di oggi però non è più così importante ritrovarsi in uno spazio fisico comune, potendo lo spazio virtuale sostituirsi facilmente alla piazza, come già Schumpeter aveva ipotizzato: “I lettori dei giornali, gli ascoltatori dei programmi radiofonici, i membri di un partito, anche se non fisicamente riuniti in un gruppo, tendono a diventare, dal punto di vista psicologico, una folla, a cadere in uno stato di eccitazione in cui ogni tentativo di ragionamento logico ha il solo effetto di stimolare impulsi bestiali” (Schumpeter, 1942). Chissà cosa avrebbe detto dei social network?
Ed ecco che gli individui di cui Luca Barberini racconta brevi e assurde storie nell’ultimo ciclo di opere, non sembrano altro che particelle, per dirla con Jung, che già abbiamo visto brulicanti nelle Folle, in azione, disperate, nelle Revolutions, districarsi nella loro quotidianità in Condominium, e in Via di Roma 136, distrattamente in posa nei Ritratti. Sono individui che anche al di fuori di una dimensione collettiva, ne mantengo intatta l’irrazionalità, ben descritta da Le Bon: “Orbene, osservazioni attente sembrano provare che l’individuo immerso da qualche tempo nel mezzo di una folla attiva cada - grazie agli effluvi che dalla folla si sprigionano, o per altre cause ancora ignote - in uno stato particolare, assai simile a quello dell’ipnotizzato nelle mani dell’ipnotizzatore. Un individuo ipnotizzato, dato che la vita del suo cervello rimane paralizzata, diventa schiavo di tutte le sue attività inconsce, dirette dall’ipnotizzatore a suo piacimento. La personalità cosciente è svanita, la volontà e il discernimento aboliti” (Le Bon, 1895).
Luca Barberini è, senza alcun dubbio, l’ipnotizzatore dei personaggi che mette in scena.

Felice Nittolo

I recently visited the rock drawings in Vale Camonica where traces of man were carved permanently into the rock. From prehistory to today rock has been carved by glaciers, ceaselessly telling the story of humanity.
The ancient inhabitants of the valley carved real and symbolic images from their daily lives and their spiritual world.
The incisions were obtained by chiseling the surface with a stone percussion (martellina technique) or more rarely, carving using a pointy tool (graffiti technique).
Luca Barberini, an accomplished young artist who is esteemed both in and outside Italy, reminds me of those incisions, the stories, the “comics” with his latest set of mosaics Storie di Cittadini al di Sopra di Ogni Sospetto.
He is capable of masterfully mixing two languages: The comic book and mosaic art, making it possible to narrate contemporary themes like immigration, religion or even terrorism by permanently chiseling into these current topics.
Sometimes his work presents itself as “organized chaos” but it is always characterized by a social responsibility toward today’s world.
The exhilarating use of colours in his Racconti di Mosaico highlights an uninhibited expressive freedom where, with the cutting and the placement of tesserae, light bounces across the mosaic surface like in the basilicas of Ravenna.
Barberini manages to make his works both festive and conflicting by identifying with a style that is among the most original.
As with other new mosaic strategies generated in the “Severini” Institute, incubator for a variety of talents, Luca Barberini candidly stirs the scorching topics of our time and attains simple yet highly symbolic actions.
It is a tangible utopia of a new form of communication. He shares his passion for colour and refraction of light through the minute separation of colours.
His descriptive taste is locked into his style and personal language.
Luca Barberini’s work has the capability of chromatic elegance causing the surface, contrasted with the coloured mortar of the background, to vibrate and therefore border on Minimalist delicacy. He is immersed in the idea of representing our surroundings; man and objects as tools of a superior ritual in constant contact with the essence of what is real and current.
His technique is gestural and dynamic, animated by an absolute emotivity, vigorous and calibrated. Together constructivism and Realism help build an internal enigma.
Di recente ho visitato i siti delle incisioni rupestri della Valle Camonica dove la traccia dell'uomo è stata incisa indelebile nella roccia. Dalla preistoria ad oggi la roccia è stata levigata e modellata dall'azione dei ghiacci ma, perenne, ci racconta la storia dell'uomo.
Gli antichi abitanti della valle incisero immagini reali e simboliche tratte dalla loro vita quotidiana e dal loro mondo spirituale.
Le incisioni erano ottenute picchiettando la superficie con un percussore litico (tecnica della martellina) o, più raramente, incidendola con uno strumento a punta (incisioni filiformi).
Luca Barberini, artista giovane, affermato e stimato non solo in Italia, con il suo ultimo lavoro Storie di cittadini al di sopra di ogni sospetto riporta la mia mente a quelle incisioni, a quei racconti a “fumetti”.
Riesce a fare incontrare magistralmente due linguaggi: quello del fumetto e quello del mosaico rendendoli capaci di narrare argomenti attuali come quello dell'immigrazione e quello della religione o ancora quello del terrorismo incidendo con tessere indelebili questioni brucianti dell'era contemporanea.
Alcune volte il suo lavoro si presenta come “caos organizzato” ma sempre caratterizzato da un impegno sociale rivolto alla società contemporanea.
L'esaltante gioco di colori messo in scena nei suoi racconti a mosaico mette in evidenza una sfrenata libertà espressiva, nel taglio e nell'accostamento ripropone giochi di luce delle superfici musive, come nelle basiliche ravennati.
Barberini riesce a rendere i suoi lavori festosi e stranianti che si identificano con una poetica tra le più originali.
Come una nuova strategia musiva delle ultime generazioni, i cui semi sono germogliati in quell'Istituto”Severini” incubatore di tante e varie energie, con candore solleva questioni brucianti della nostra era, compie azioni semplici altamente simboliche.
Utopia tangibile di una nuova comunicazione, condivide la passione per il colore e la ricerca della rifrazione della luce attraverso la separazione minuta dei colori.
Il gusto grafico rimane imprigionato in una poetica e in uno stile personale.
L'opera di Luca Barberini ha la capacità e l'eleganza cromatica di far vibrare la superficie contrastata con la malta colorata del fondo, donando un'eleganza che avvicina al Minimalismo.
Egli è immerso nell'idea di rappresentare l'ambiente, l'uomo e gli oggetti come strumenti di una ritualità superiore in continuo contatto con l'esistenza reale e attuale.
Il suo mosaico è gestuale e dinamico, animato da una emotività sicura, vigorosa e calibrata.
Costruttivismo e Realismo insieme contribuiscono a costruire un enigma interiore.

Michele Tosi

One's-self I sing, a simple separate person,
Yet utter the word Democratic, the word En-Masse.
Of physiology from top to toe I sing,
Not physiognomy alone nor brain alone is worthy for the Muse, I say
the Form complete is worthier far,
The Female equally with the Male I sing.
Of Life immense in passion, pulse, and power,
Cheerful, for freest action form'd under the laws divine,
The Modern Man I sing.
(Walt Whitman - One’s-Self I Sing)

"Hell is other people”, writes Jean Paul Sartre in his theatrical piece called No Exit, from 1944. The author explains the meaning behind this affirmation, some time after, tired of the misinterpretations that these words produced. “Other people” are hell for man, especially as judges of good and bad. The fear of being judged and the desire to bend to public opinion, cause more than one internal conflict: a sort of need to blend in. The only way to separate from this vicious cycle is to free oneself from the yoke of judgment. Rebellion. This is what many of Luca Barberini’s works seem to express, this desire for man to affirm uniqueness through revolution. Initially, in his pieces dedicated to la Folla (The Crowd), the characters move, in a blurred flow. In his next sets Qualcuno in Battaglia (Someone at Battle) and especially Qualcuno Revolution (Someone’s Revolution), man reclaims his identity through revolt. Sometimes Barberini suggests reasons for rebellion, like in Revolution 4, where a group of seemingly ironic white-collar figurines throw their briefcases and leave belligerently towards a horrid technomorphic monster. Other times the reason for rebellion isn’t clear but remains evident in the characters’ behavior. The desire to rebel is so strong it continues after death, like in the wonderfully fun Battaglie di Scheletri (Skeleton Battles) where it is the skeletons who fight and revolt. Everything is animated with a distorted irony that subtly plays, as is probably clear, around the parameters of the absurd.
At the center of Luca Barberini’s consideration there is always man, either as a symbolic individual, depending on the logic of the portrait, or seen as part of a horde. The technique he uses to express his world is mosaic, however not in the traditional sense, with tesserae that define a face and bodies of people. Barberini is a heretical mosaicist.
The figures undergo a process of abstraction: Their faces, actions and behaviour is summarized with just a few shards of Smalti conveniently cut and shaped by the artist. The result is an incisive representation of reality in which colours and shapes follow, overlay and weave together in a glittering sequence, provoking a strong sense of emotional involvement. The product is a divertissement without an end unto itself but always probing the obscure side of reality, which finds its ideal connection with the film Entrac’te by René Clair.
Barberini possesses a taste for storytelling. It is visible in the individual figures or when he makes the crowd come to life. It is visible in the visual story of every single element and in recognizing that man, even in his homogenization, maintains his individual character – or as Montaigne said, uniqueness also expresses aspects of universality.
It can be said that the irony, the chromatic richness and the constant dynamism that permeate these works simply hook the viewer faster, they grab our gaze and invite us to play the game. At this point we are forced to observe the details, linger on them and dream the stories of the individual characters. Stories like Qualcuno Sotto la Pioggia (Someone in the Rain) where a man in the pouring rain loses his umbrella and watches it fly away with the wind. As I look at the works in this series I imagine the umbrella lands on the ground and in the wind, the protagonist walks away. We all know that when we dream about works of art, we always imagine ourselves.

Io canto l’individuo, la singola persona,
Al tempo stesso canto la Democrazia, la massa
L’organismo da capo a piedi, canto,
La semplice fisionomia, il cervello da soli non sono degni
della musa: la forma integrale ne è ben più degna,
E la Femmina canto parimenti che il Maschio.
Canto la vita immensa in passione, pulsazioni e forza,
Lieto, per le più libere azioni che sotto le leggi divine si attuano,
Canto l’Uomo Moderno.
(Walt Whitman, Io canto l’individuo, da Foglie d’erba)

“L’inferno sono gli altri”, scrive Jean Paul Sartre nella sua piece teatrale A porte chiuse, del 1944. Il senso di questa affermazione lo rivela lo stesso autore qualche tempo dopo quando afferma, stanco dei fraintendimenti che le sue parole avevano prodotto, che gli altri sono un inferno per l’uomo, soprattutto in quanto elemento giudicante, nel bene e nel male: la paura dell’essere giudicati, il desiderio di compiacere l’opinione corrente, genera in noi più di un conflitto interiore, una sorta di desiderio di omologazione. L’unico modo di dichiararsi esterni a questo circolo vizioso, di liberarsi dal giogo del giudizio, è la ribellione. E’ questo che sembrano volere esprimere molte delle opere di Luca Barberini, questo desiderio dell’uomo di volere affermare attraverso la rivolta la propria unicità. Ecco quindi dapprima i lavori dedicati alla Folla, dove i personaggi si muovono in un flusso indistinto di forme e di colori, e poi i cicli Qualcuno in battaglia e, soprattutto, Qualcuno revolution, in cui l’uomo si riappropria di se stesso attraverso la rivolta. A volte Barberini indica i motivi della ribellione, come ad esempio in Revolution 4, dove un gruppo di figurine dal sapore ironicamente impiegatizio lancia le proprie valigette e si avvia belligerante verso un orrendo mostro tecnomorfo; altre volte l’oggetto della ribellione non è dichiarato, ma essa resta evidente negli atteggiamenti dei personaggi. Il desiderio di ribellarsi è così forte che permane anche dopo la morte, come nelle divertentissime Battaglie di scheletri, dove a rivoltarsi e combattere è una folla di scheletri. Il tutto sempre animato da una debordante ironia che gioca sottilmente, come si sarà capito, con i parametri dell’assurdo.
Al centro della riflessione di Luca Barberini è comunque sempre l’uomo o indagato singolarmente secondo la logica del ritratto o visto come facente parte di una massa. La tecnica da lui impiegata per esprimere il proprio mondo visivo è il mosaico, non inteso però in modo tradizionale, con le tessere che definiscono regolarmente i volti e i corpi dei personaggi. Quello di Barberini è piuttosto un mosaico eretico.
Le figure subiscono un trattamento compendiario: i loro volti e i loro atteggiamenti vengono riassunti con poche scaglie di smalto opportunamente tagliate e modellate dall’artista. Il risultato è una rappresentazione icastica del reale in cui i colori e le forme si susseguono, si sovrappongono, si intrecciano, in sequenze rutilanti che generano nell’osservatore un forte coinvolgimento emotivo.
Il risultato è un divertissement mai fine a se stesso, ma sempre rivolto a scandagliare gli aspetti reconditi della realtà, che trova il suo riferimento ideale nel film Entrac’te di René Clair.
Barberini possiede il gusto della narrazione: essa si rivela nelle singole figure, ma anche quando fa prendere vita alla folla, nel racconto visivo di ogni singolo elemento, nel riconoscere che l’uomo, pur nella sua omologazione, conserva il proprio carattere di individualità – o, come diceva Montaigne, nella sua individualità esprime anche degli aspetti di universalità.
Si può dire che l’ironia, la ricchezza cromatica e il dinamismo costante che pervadono queste opere, non siano altro che espedienti per irretire lo spettatore, per catturarne lo sguardo e per coinvolgerlo nel proprio gioco. Perché, a questo punto, si è costretti ad osservare nel dettaglio, a soffermarsi sui particolari e a sognare sulle storie dei singoli personaggi. Storie come Qualcuno sotto la pioggia dove un uomo sotto la pioggia battente perde il proprio ombrello e lo vede allontanarsi nel vento. Io, quando guardo i lavori di questa serie io penso che l’ombrello resti per terra e, nel vento, si allontani il protagonista. Ma, si sa, quando sogniamo sulle opere d’arte, pensiamo sempre a noi stessi.

Mosaique magazine, 2017

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Mosaique magazine, 2016

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Tiles, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

SKULLTURE - il teschio nella cultura contemporanea, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Mosaique magazine, 2015

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Mosaique magazine, 2014

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Fenomenologia del disordine - prospettive sull'irrazionale nella riflessione sociologica italiana, 2014

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Mosaique magazine, 2012

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

Mosaic magazine, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png

mosaic art now, 2011

http://lucabarberini.com/files/imgcache/assets/img/not_found_0x0.png